VERBALE CONSIGLIO DIRETTIVO del 5 Giugno 2019 – ore 18.30

 

ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli Alunni

della SCUOLA EUROPEA VARESE

– VERBALE CONSIGLIO DIRETTIVO del 5 Giugno 2019 – ore 18.30

Sala riunioni villa Scuola Europea Varese

 

 

Consiglieri presenti:

                        Boucher, Grandinetti, Mattana, Mortillaro, Pennese Schumacher, Pozuelo, Schade,

Consiglieri connessi tramite Skype: Ghezzi, Renault de Haas

 

ORDINE DEL GIORNO

 

 

1 Approvazione verbale Consiglio del 08.05.2019 18:30 00:05
2 Resoconto interventi Dott.ssa Mastronardi per S3 EN in seguito alla tragica morte di Carmen 18:35 00:15
3 Resoconto Whole School Inspection 19:50 00:20
4 Prossimi CDE Primaria e Secondaria di Giugno, punti da proporre 19:10 00:20
5 Aumento delle lamentele nei confronti della Cooperativa Mensa 19:30 00:15
6 Breve resoconto Incontro Interparents 4/5 Febbraio (Alison) e update azioni IP 19:45 00:15
7 Mercatino dei Libri 20:00 00:10
8 Firme banca e conti 20:10 00:10
9 Varie 20:10 00:15
10 Data prossimo Consiglio 20:25 00:05

 

Alle 18.45 di mercoledì 5 giugno 2019 ha inizio la discussione dei punti in esame, essendo stato attivato il collegamento video con i membri in remoto.

 

Il verbale del Consiglio precedente svoltosi in data 8.5.2019 viene integralmente approvato all’unanimità.

La Dr.ssa Mastronardi, psicologa della scuola, considera la tecnica EMDR come la più indicata per ridurre al minimo le tracce psicologiche negli allievi associate alla tragedia. L’idea è di fissare tre incontri per le classi maggiormente coinvolte, per un totale di sei incontri, seguiti da debriefings per dimenticare il più possibile le tracce della tragedia. Sempre in merito allo stesso argomento, l’esito dell’incontro avvenuto col DG Pala è stato giudicato come ampiamente soddisfacente dai rappresentanti dei genitori che vi hanno partecipato. Essendo apparentemente state superate le grosse difficoltà a reperirli, la scuola darà 5,000 euro per le sessioni di supporto psicologico.

School inspection: ci sono dei progetti in ballo per il prossimo anno con ragionevoli probabilità di implementazione, e ci si confronterà con le altre ESs per l’eventuale coinvolgimento della direzione della scuola.

IP: l’ultimo incontro è risultato molto proficuo, a livello anche di spunti da approfondire. Ne seguiranno altri ancora più mirati ad hoc. Sono state poste nuove basi per approfondire i vari punti sotto esame.

L’AGSEV ha presentato agli ispettori il corposo dossier sulla direzione della scuola secondaria. Arriverà riscontro. Si deciderà quindi sul come procedere, essendoci la ferma intenzione di migliorare una situazione pesante che perdura da moltissimo tempo.

Fumo: viene riferito che nelle strade immediatamente esterne alla scuola proliferano episodi di fumo, sia da parte degli studenti, anche di S1, che degli insegnanti, i primi anche di marijuana. Non si escludono affatto, anzi si danno per scontati, episodi anche all’interno della scuola. AGSEV manderà una comunicazione urgente in merito, eventualmente invitando a far sensibilizzare le guardie in servizio allo scopo. Si è reso di recente necessario un maggior supporto inerente l’insegnamento della lingua italiana.

 

Va chiarita la posizione del fotografo ufficiale della scuola, sia per quanto riguarda la liceità delle prestazioni (conflitto di orari e/o di interessi) che soprattutto a livello di promiscuità e natura delle fotografie scattate. Attualmente viene riferito che svolge foto a delle bambine in atteggiamenti provocanti in minigonna e pose da modella.

 

Sezione francese

In merito alle lamentele sul professore di filosofia, specialmente sulle capacità linguistiche, la direttrice aggiunta si è dichiarata disponibile ad incontrare il docente per cercare di migliorare la situazione.

Sezione italiana

È stata osservata la necessità di migliorare il coinvolgimento delle famiglie, specialmente in merito alla comunicazione di notizie ed informazioni sia logistiche che didattiche. Purtroppo di recente durante le gite delle S3 alcuni alunni hanno ecceduto nel consumo di alcool, con pericolosi episodi di bravate notturne. Alle prossime occasioni saranno necessari controlli notturni da parte degli accompagnatori per evitare che i ragazzi possano mettersi in condizioni di grave pericolo, con conseguenze anche penali per i docenti.

Sezione inglese

Alcuni alunni riferiscono che occorre migliorare l’ambiente di svolgimento di attività sportive e ricreative nel cortile superiore, anche per ridurre i rischi di infortuni, assembramenti ed altri eventi negativi.

Generale

Occorre assolutamente sensibilizzare e per quanto possibile aiutare con proposte la direzione in merito alla gestione delle supplenze, evenienze molto ricorrenti soprattutto in questi periodi dell’anno scolastico.

 

Mensa

Il genitore Pollack, attraverso un e-mail, ha fatto chiedere il dettaglio della ripartizione del costo totale del buono pasto, 7 euro, fra le voci materie prime e quelle amministrative. Sarà data risposta subito dopo la riunione della mensa di giovedì 6 giugno.

Pur essendo a posto gli ultimi bilanci, viene illustrata l’estrema criticità della gestione attuale in merito ad alcuni dipendenti della mensa, dal comportamento illegale, che malgrado numerose lettere ufficiali di rimprovero sembrano perdurare nelle illiceità. Essendo la situazione delicata, allo scopo occorre contestualizzare al massimo i dettagli delle rimostranze future che allievi docenti e genitori intendono far rilevare, con fotografie, giorno ed ora delle contestazioni. La foto diffusa sull’insufficiente cottura di pietanze a base di carne si è rivelata controproducente. Risaliva a settembre, quindi ampiamente già oggetto di biasimo. Sarà diffuso un rapporto inerente la predetta riunione del comitato mensa.

 

Mercatino libri usati

Si riconferma l’assoluta utilità di organizzarlo, a seguito dei benefici che possono derivare sia ai genitori che a tutta l’ASGEV. Tuttavia, a seguito difficoltà logistiche incontrate nelle ultime gestioni, il 22 giugno AGSEV si limiterà a svolgere un ruolo di supervisione generica e di assistenza. Ogni venditore avrà un suo banco e si gestirà in proprio i flussi di cassa, essendo stata proprio la gestione di questi ad avere richiesto troppo tempo in passato ai volenterosi membri dell’AGSEV. Sarà contattato il CS per proporre servizio caffè.

 

Calcolatrice

Il modello attuale del minicomputer TI è andato fuori commercio. È possibile aggiornarlo tramite opportuno SW. Sarà contattato il coordinatore di matematica allo scopo di coordinare gli aggiornamenti per coloro che ne dispongono già di uno in famiglia oppure tramite acquisti/regali di usato, ed eventualmente far autorizzare il nuovo modello.

 

Conto fruttifero

Esiste un fondo, di circa 56k, a disposizione dell’AGSEV, derivante da una pregressa vertenza legale. Occorre valutare se sia il momento di un modesto prelievo di poche migliaia di euro per fra fronte ad alcune necessità straordinarie del momento. Inoltre essendo attualmente intestato o comunque nella disponibilità di pochi soggetti fisici, presidenti ed ex presidenti, unitamente all’aggiornamento dei soggetti stessi occorre deliberare in merito all’intestazione. Lo scopo è di consentirne la gestione a livello collettivo da parte dei membri del consiglio. Il punto verrà ridiscusso nelle prossime riunioni, anche dopo aver acquisito delle informazioni dalla banca sulle opzioni possibili, anche alla luce degli adempimenti e del trattamento fiscale.

 

Sondaggio progetto Garderie

È stato distribuito ai membri del CD un cospicuo lavoro da Marie France Boucher. Data la necessità di ulteriori analisi e l’ora tarda, la discussione sugli sviluppi viene programmata per le prossime riunioni, dopo l’esame ed il riscontro via e-mail.

 

 

Alle 20.50 la riunione ha termine.

 

VERBALE CONSIGLIO DIRETTIVO dell’8 Maggio 2019

ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli Alunni

della SCUOLA EUROPEA VARESE

– VERBALE CONSIGLIO DIRETTIVO  dell’8 Maggio 2019 –

Sala riunioni Villa Scuola Europea Varese

 

Consiglieri presenti:

                        Barroso, Boucher, Di Cesare, Ghezzi, Grandinetti, Mattana, Mortillaro, Pennese Schumacher, Renault de Haas, Schade, Tsapikidou,

Consiglieri connessi tramite Skype: Biavetti, Pietrangeli, Renault de Haas, Tsapikidou

 

Ordine del giorno

1 Approvazione verbale consiglio del 24.01.2019 18:30 00:05
2 Resoconto e suggerimenti eventi ed interventi in seguito alla tragedia di Carmen 18:35 00:30
3 Situazione insegnanti  in generale e anche con situazione di disagio da parte degli studenti/genitori 19:05 00:15
4 Breve resoconto Incontro Interparents 4/5 Febbraio 19:20 00:05
5 Prossimi CDE di Giugno, punti da proporre 19:25 00:15
6 Proposta Mercatino dei Libri 19:40 00:05
7 Comunicazione tra le parti e situazione a Scuola 19:45 00:10
8 Firme banca 19:55 00:05
9 Varie 20:00 00:10
10 Data prossimo Consiglio 20:10 00:05

 

Il verbale del Consiglio precedente svoltosi in data 24.01.2019 viene approvato.

Resoconto e suggerimenti eventi ed interventi in seguito alla tragedia di Carmen: La scuola è stata molto criticata dalla comunità genitoriale sia della Primaria che della Secondaria per l’inadeguatezza degli interventi adottati in seguito alla morte di Carmen. Soprattutto perché La direttrice Maas e il direttore Pala non hanno partecipato al funerale. Si è criticato che non è stata seguita la procedura italiana prevista in questi casi, o perlomeno una procedura in generale. Tramite sms la Scuola ha comunque fatto un resoconto degli interventi ma l’approccio soprattutto della psicologa della scuola è stato recepito come molto blando. Per i genitori della S3 En in particolare si organizzerà un intervento più mirato con la Dott.ssa Mastronardi

Situazione insegnanti in generale e anche con situazione di disagio da parte degli studenti/genitori

La situazione è di disagio in quanto ci sono insegnanti che reagiscono in modo molto aggressivo alle critiche oppure ci sono insegnanti che insegnano materie nella L2 non competenti abbastanza dal punto di vista linguistico, il che crea molti problemi in vista della preparazione agli esami finali. Si prevede un incontro con la direttrice Maas e di riportare il punto alla prossima Whole School Inspection.

Breve resoconto Incontro Interparents 4/5 Febbraio

Dopo aver riportato che l’incontro ha avuto molto successo e che tutti erano molto soddisfatti e pieni di lode per la ns. Scuola, si rimanda ad un resoconto più dettagliato da parte di Alison.

 

Prossimi CDE di Giugno, punti da proporre

Si chiederà ai delegati di classe di mandare i loro commenti e si rimanda al prossimo Consiglio la decisione finale sull’elenco dei punti e di porre più attenzione sulla rappresentanza SWALS

Proposta Mercatino dei Libri

La formula adottata fin ora richiede un impegno troppo grande per cui si decide di adottare il sistema del mercatino dello sci e di svolgere l’evento in data 22 Giugno. Rita si occuperà di fare richiesta alla Scuola per i locali della Mensa e di formulare e mandare la mail con la spiegazione del nuovo sistema a tutti i genitori.

Punti 7/8/9

Data l’ora tarda, si rimanda la prossimo Consiglio

Data prossimo Consiglio

Osvaldo manderà il consueto doodle

VERBALE CONSIGLIO DIRETTIVO del 24 Gennaio 2019

ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli Alunni

della SCUOLA EUROPEA VARESE

VERBALE CONSIGLIO DIRETTIVO del 24 Gennaio 2019

 

Sala riunioni Villa Scuola Europea Varese

 

Consiglieri presenti: Barroso, Bianchi, Boucher, Di Cesare, Grandinetti, Luna, Mattana, Mortillaro,
Schumacher

Collegati tramite Skype: Ghezzi,  Pietrangeli, Renault- de Haas, Rovera,

 

Ordine del giorno:

1 Approvazione verbale consiglio del 10.12.2018 18:30 00:05
2 Dimissioni già confermate di Patrick Lefrevre, cooptazione 18:35 00:10
3 Breve resoconto CDA del 21 Gennaio 18:45 00:15
4 Incontro Interparents 4/5 Febbraio 19:00 00:10
5 Breve resoconto dell’incontro Delegati 17 Gennaio 19:10 00:10
6 Formazione e partenza gruppi di lavoro 19:20 00:20
7 Resoconto incontro ufficiale per consegna ricavato Mercatino di Natale 19:40 00:05
8 Firme banca 19:45 00:05
9 Varie (Proposta per nuovo Mercatino dei Libri) 19:50 00:10
10 Data prossimo Consiglio 20:00 00:05

 

Il verbale del Consiglio precedente tenutosi in data 10.12.2018 viene approvato.

Dimissioni Lefreve: le dimissioni del sig. Lefrevre sono state ufficializzate ed accettate. Viene cooptata al suo posto la sig. ra Marie-France Boucher, che ha mandato regolare email di richiesta.

Resoconto CDA: il sig. Mattana riferisce che con sorpresa ha appreso che si era svolta una riunione per la Security in Via Mameli a cui non eravamo stati invitati. Sono stati presentati 4 progetti, due simili tra loro, che possono essere visionati su richiesta. La situazione è comunque complessa e al direttore Pala è stato richiesto un incontro con il ns. Gruppo di lavoro sulla sicurezza per aggiornamento e commenti.

Incontro Interparents: l’incontro si terrà a Varese il 4 e 5 Febbraio durante Eurosport, la fase di organizzazione è già a buon punto (Sale riunioni, programma, hotel etc.)

Resoconto delegati 17 Gennaio: sono state raccolte tutte le domande e mandate alla Direzione che ha preparato alcune slide da mostrare ai genitori. Di fatto gli argomenti sono sempre gli stessi, alcuni problemi si ripropongono ed altri vengono risolti in parte. Il Direttore ha promesso più comunicazione con i genitori e più trasparenza ma ha tuttavia esortato i genitori a leggere la sezione FAQ presente sul sito della scuola.

Gruppi di lavoro: i gruppi di lavoro sono stati formati e mandati alla Direzione

Ricavato Mercatino di Natale: La consegna del ricavato del Mercatino di Natale è stata un grande successo soprattutto dal punto di vista dell’immagine della ns. Scuola. Rete 55 ha filmato l’evento e intervistato i protagonisti, il tutto verrà trasmesso in prima serata di Rete 55

Firme banca: Vanno aggiornate e si analizzerà meglio la situazione

Varie: I vari punti vengono discussi un po’in fretta data l’ora, si rimanda al prossimo consiglio la decisione sul Mercatino dei Libri e le iniziative in occasione dei prossimi eventi (Open Day, etc)

Data prossimo Consiglio: come di consueto si manderà doodle

Verbali Consiglio Direttivo

 

I verbali precedenti  sono in archivio all’ufficio per chi volesse consultarli.

Statuto

Logo

 

ASSOCIAZIONE DEI GENITORI DEGLI ALLIEVI

DELLA SCUOLA EUROPEA DI VARESE

L’Associazione dei Genitori riveste un ruolo importante nei vari comitati e nei gruppi di lavoro della Scuola. I punti di vista e i suggerimenti dei genitori, pertinenti all’organizzazione scolastica, sono portati avanti attraverso i rappresentanti eletti dei genitori nei Consigli d’Amministrazione e nei Comitati d’Educazione della scuola. Sono anche rappresentati al Consiglio Superiore delle Scuole Europee e ai Comitati Consultivi.

 

 

STATUTO

TITOLO I

(denominazione e finalità)

Art. 1

(Denominazione e sede)

L’Associazione denominata “Associazione dei genitori degli allievi della Scuola Europea di Varese” ha sede legale presso la Scuola Europea di Varese (Via Montello 118, 21100 Varese) (in seguito denominata S.E.V.) e sede amministrativa presso il Centro Comune di Ricerca – sito di Ispra (via Enrico Fermi,  2749 Ispra 21027 (VA))

Art. 2

(Finalità)

L’Associazione persegue le seguenti finalità:

1.    rappresentare gli interessi educativi e familiari degli alunni della S.E.V. ;

2.   farsi interprete presso il corpo docente della S.E.V. di aspettative e proposte dei genitori in merito all’organizzazione scolastica ;

3.   partecipare, attraverso un’attività di controllo e vigilanza, anche di concerto con le autorità scolastiche della S.E.V., alla valutazione delle attività parascolastiche e attività di volontariato presso la scuola, al fine di garantire che le attività predette risultino costantemente finalizzate al benessere ed alla crescita personale e culturale degli allievi della Scuola.

4.   coadiuvare i genitori nella risoluzione dei problemi derivanti dalla vita scolastica ; 

 

TITOLO II

(componenti  dell’ Associazione)

Art. 3

(Qualità dei soci)

L’“Associazione dei genitori degli allievi della Scuola Europea di Varese” comprende due categorie di soci: i soci ordinari e i soci sostenitori.

La partecipazione alle attività organizzate, dirette o controllate dall’Associazione è riservata ai soli soci.

Art. 4

(Soci)

Sono soci ordinari dell’Associazione i genitori (o coloro che ne fanno le veci) degli alunni della S.E.V. che ne facciano richiesta. I soci ordinari genitori (o coloro che ne fanno le veci) di allievi studenti iscritti nella scuola europea di Varese godono dell’elettorato attivo e passivo. Sono soci sostenitori i genitori di ex studenti o persone desiderose di partecipare ad attività di volontariato a favore della S.E.V. . I soci sostenitori non hanno il diritto di elettorato attivo e passivo ma hanno il diritto ad essere informati delle iniziative che vengono di volta in volta intraprese dall’Associazione.

Art. 5

(Ammissione dei soci)

La richiesta di ammissione come socio ordinario è presentata in forma scritta e viene automaticamente accolta previa verifica della sussistenza dei requisiti di cui all’articolo 4.  Per i soci sostenitori l’ammissione all’Associazione è deliberata dal Consiglio Direttivo per l’anno scolastico in corso. Il Consiglio Direttivo, su richiesta dell’aspirante socio, fornisce la modulistica per la domanda d’iscrizione.

Art. 6

(Quote associative)

L’iscrizione si perfeziona con il versamento della quota associativa. Si mantiene la qualifica di socio versando ogni anno la quota associativa determinata dall’Assemblea. La quota associativa non può essere ceduta.

Art. 7

(Cessazione dalla qualità di socio)

La qualità di socio si perde per:

 – dimissioni presentate in forma scritta;

 – decadenza in caso di mancato versamento della quota associativa entro il termine dell’anno amministrativo di cui all’art.9;

 – esclusione deliberata a maggioranza assoluta dal Consiglio Direttivo quando il comportamento del socio sia incompatibile con gli scopi perseguiti dall’Associazione. Il provvedimento di esclusione, comunicato all’interessato con raccomandata, è appellabile mediante ricorso al collegio dei Probiviri entro 10 giorni dal ricevimento.

 

TITOLO III

(Organi e amministrazione dell’associazione)

Art. 8

(Organi dell’associazione)

Sono organi dell’associazione :

 – l’Assemblea Generale dei soci

 – il Consiglio Direttivo

 – il Presidente del Consiglio direttivo

 – i Revisori dei conti

  – il Collegio dei Probiviri

Art. 9

(Anno amministrativo)

L’Anno amministrativo dell’Associazione inizia il 1° Luglio e finisce il 30 Giugno dell’anno successivo.

 

TITOLO IV

(Assemblea Generale)

Art. 10

(Assemblea dei soci)

L’assemblea generale è sovrana ed è formata da tutti i soci. Per decisione del consiglio direttivo l’assemblea può essere aperta al pubblico purché sia garantito il suo regolare svolgimento ed il pubblico non interferisca nei lavori.

Art. 11

(Convocazione)

L’assemblea dei soci è convocata dal presidente del consiglio direttivo in seduta ordinaria una volta all’anno nei 4 mesi successivi alla chiusura dell’esercizio sociale. L’assemblea è convocata dal presidente del consiglio direttivo in seduta straordinaria quando lo richiedano almeno 1/3 dei componenti del consiglio direttivo o 1/5 dei soci ordinari. Le assemblee sono convocate mediante avviso scritto da recapitarsi ai soci, anche per posta elettronica, almeno 15 giorni prima della data fissata. L’avviso deve contenere l’ordine del giorno e l’indicazione del luogo e dell’ora d’adunanza sia in prima sia in seconda convocazione. L’intervallo tra l’assemblea in prima convocazione e l’assemblea in seconda convocazione non può essere inferiore ai 30 minuti.

Art. 12

(Validità dell’assemblea)

Ogni socio può farsi rappresentare da un altro socio mediante delega scritta. Ogni socio non può ricevere più di 3 (tre)  deleghe.

L’assemblea in prima convocazione è valida quando siano presenti o rappresentati almeno la metà più uno dei soci ordinari. L’assemblea in seconda convocazione è valida qualunque sia il numero dei soci ordinari presenti.

Art. 13

(Compiti dell’assemblea)

L’assemblea :

1.      esamina la relazione annuale del presidente dell’“Associazione dei genitori degli allievi della Scuola europea di Varese” sull’attività dell’Associazione e si esprime con deliberazione;

2.      riceve il resoconto contabile (stato patrimoniale, conto economico) ed il preventivo nonché il rapporto dei revisori dei conti e delibera in merito;

3.      approva il regolamento elettorale per l’elezione degli organi statutari;

4.      modifica lo statuto;

5.      delibera lo scioglimento dell’associazione;

6.      determina, su proposta del consiglio direttivo, l’ammontare della quota associativa.

Art. 14

(Validità delle votazioni)

L’assemblea delibera solo su quanto espressamente indicato nell’ordine del giorno. Su altri argomenti, proposti ed accettati dall’assemblea, è possibile la discussione e l’espressione di pareri solo a titolo orientativo. È vincolante la mozione accettata di indire un’assemblea straordinaria su un particolare argomento. Le delibere richiedono il voto favorevole della maggioranza dei votanti; in caso di parità di voti, l’argomento all’ordine del giorno non è approvato. Ogni modifica del presente statuto deve raccogliere i voti favorevoli dei 3/4 dei partecipanti.

 

TITOLO V

(Organi Statutari dell’Associazione)

Art. 15

(Elezione)

Gli organi statutari vengono eletti al di fuori dell’Assemblea dai soci ordinari con voto segreto. Le operazioni di voto possono svolgersi attraverso la procedura di voto inviato per posta, o in alternativa attraverso una specifica procedura denominata come “voto elettronico“. La decisione in merito a quale delle due predette procedure deve essere applicata in sede di elezione degli organi statutari e conformemente alle modalità di cui all’Artt. 6, 8 e 9 del Regolamento Elettorale dell’AGSEV, compete al Consiglio Direttivo dell’Associazione, che prende  detta decisione con maggioranza semplice dei presenti aventi diritto al voto, nel corso di una delle proprie riunioni da tenersi almeno 30 giorni prima della data fissata  per l’inizio delle operazioni di voto. In caso di voto per posta, le operazioni di voto hanno inizio almeno 15 giorni prima della data dell’assemblea generale, e terminano dopo la presentazione dei candidati, durante la suddetta assemblea, dove gli ultimi voti potranno essere depositati.

Il Consiglio Direttivo uscente fornisce la modulistica necessaria per l’esercizio di voto. L’ufficio elettorale è responsabile per lo spoglio ed il conteggio dei voti. Lo spoglio avviene pubblicamente alla fine della votazione durante l’Assemblea. In caso di voto elettronico, l’Ufficio elettorale fissa la data e l’ora di inizio delle operazioni di voto. Il termine delle operazioni di voto coincide con la data e l’ora fissati per l’inizio dell’Assemblea generale in prima convocazione. Le predette operazioni di voto devono in ogni caso restare aperte per una durata di almeno 15 giorni di calendario prima della data dell’Assemblea generale fissata per la comunicazione dei risultati del voto.

Il Consiglio Direttivo uscente fornisce il supporto necessario
per l’implementazione delle operazioni di voto. L’Ufficio elettorale è responsabile per il conteggio dei voti. I risultati sono comunicati dall’Ufficio elettorale alla Presidenza del Consiglio Direttivo. I risultati sono resi noti, sia in caso di voto per posta, che di voto elettronico,  alla fine dell’Assemblea generale, attraverso lettura degli stessi da parte del Presidente uscente o del Presidente pro tempore del Consiglio Direttivo.

 

TITOLO VI

(Consiglio Direttivo)

Art. 16

(Composizione)

Il consiglio direttivo è eletto dai soci secondo le modalità dell’art. 15.

Il consiglio direttivo è composto da :

          Due membri per ogni sezione linguistica (EN, IT, FB, NB, DE), di cui entrambi di lingua madre 1 (L1) della sezione. Se non si presentassero abbastanza candidati con figli con L1 della sezione, sarà eletto il primo candidato della sezione per numero di voti indipendentemente dalla lingua madre. Per determinare in quale sezione linguistica il singolo socio possa candidarsi, si terrà conto della sezione linguistica alla quale appartiene il figlio allievo.

          Cinque membri SWALS, in rappresentanza degli studenti con lingua madre diversa dalle sezioni linguistiche frequentate di lingue diverse (sempre riferito alla L1 dei figli) se disponibili.

          Cinque membri senza vincoli di appartenenza che hanno ottenuto il maggior numero di voti tra tutti i non eletti.

In caso di dimissioni, impedimento, decadenza di un membro, il primo candidato non-eletto nelle votazioni nella stessa sezione linguistica lo sostituisce; se non è possibile per mancanza di candidati della stessa sezione linguistica o per totale mancanza di candidati, il consiglio direttivo provvederà a surroga mediante cooptazione ; il consigliere surrogato, che dovrà essere approvato dal Consiglio, permane in carica fino alla successiva assemblea ordinaria. Nel caso in cui entro un mese dall’insediamento del nuovo consiglio non verrà trovato il candidato secondo le indicazioni precedenti verrà eletto il primo dei candidati non eletti di qualsiasi sezione linguistica. Esso permane in carica fino alla successiva Assemblea ordinaria e farà parte dei membri “senza vincoli di appartenenza”.  

Ogni consigliere sarà responsabile o co-responsabile di almeno un progetto/tema di discussione valido per l’anno scolastico in corso, in generale nell’ambito delle attività dell’Associazione Genitori e della Scuola Europea di Varese, oltre che della sua sezione di appartenenza. Se un consigliere per ragioni personali non giustificate non si presenta per più di 3 riunioni di consiglio consecutive, il Presidente inizierà una procedura  di richiesta di spiegazioni che potrà portare anche alla decadenza dall’incarico (nel qual caso si procederà alla sua sostituzione secondo le indicazioni del paragrafo precedente). Il socio nominato delegato di lingua e/o delegato di classe della S.E.V. partecipa di diritto alle sedute del consiglio direttivo senza diritto di voto.

Art.17

(Compiti)

Il consiglio direttivo regge e amministra l’Associazione, persegue l’oggetto sociale tenendo conto dei deliberati dell’assemblea generale. Il consiglio direttivo ed i delegati di lingua designa tra i propri membri i rappresentanti dell’Associazione(effettivi e supplenti) presso il consiglio d’amministrazione della S.E.V., presso il consiglio superiore delle scuole europee e presso tutte le altre istituzioni scolastiche.

Art.18

(Convocazioni e Delibere)

Il consiglio direttivo è convocato, in prima ed in seconda convocazione, dal presidente:

1.      almeno ogni tre mesi;

2.      ogni volta lo ritenga opportuno;

3.      quando 1/3 dei membri del consiglio lo richieda con domanda scritta, corredata da proposta di ordine del giorno.

Il Consiglio delibera validamente in prima convocazione quando siano presenti almeno la metà più uno dei membri ed in seconda convocazione, quando siano presenti almeno 3 membri in carica. Le delibere sono prese a maggioranza semplice; in caso di parità è decisivo il voto del Presidente. In caso di necessità, il Consiglio può deliberar
e mediante la procedura di Consultazione Scritta. Qualsiasi consigliere può inviare una proposta da deliberare al Presidente. Quest’ultimo, a meno che non riscontri vizi di natura formale nella proposta presentata,  entro due giorni inizierà formalmente la procedura di Consultazione Scritta inoltrando una email a tutti i membri del Consigli Direttivo. La proposta si potrà considerare approvata qualora ottenga il consenso scritto della maggioranza dei membri del Consiglio. Per la determinazione della maggioranza è valido l’istituto del silenzio assenso. Se un consigliere non risponde negativamente alla proposta entro 72 ore dall’invio il voto si considera favorevole. Le delibere con procedura di consultazione scritta  sono prese a maggioranza semplice; in caso di parità è decisivo il voto del Presidente.

Art. 19

(Rappresentanza)

Il consiglio direttivo è rappresentato, ai sensi di legge, dal presidente. Il vicepresidente “interno” sostituisce il presidente in tutti i suoi compiti, in caso di assenza, impedimento, o quando è dallo stesso delegato. Il vicepresidente “esterno” rappresenta l’Associazione presso le altre associazioni dei genitori degli allievi della scuola europea e gli organi statutari di Bruxelles.

Art.20

(Durata)

I membri del consiglio direttivo permangono in carica due anni e sono rieleggibili. Ogni anno viene rinnovato il mandato della metà dei membri del consiglio direttivo. Qualora scada congiuntamente il mandato di due membri della stessa sezione linguistica, la scadenza del mandato del consigliere con  più anzianità di consiglio tra gli stessi, è posticipata di un anno.

Art.21

(Adempimenti)

Entro 15 giorni dall’elezione del nuovo consiglio, il presidente uscente convoca la prima riunione del consiglio direttivo per procedere all’elezione del presidente. Il presidente entro 15 giorni dalla propria elezione convoca il consiglio per eleggere il vicepresidente “interno”, il vicepresidente “esterno”, il segretario generale e il tesoriere. Tutti gli altri incarichi necessari al funzionamento dell’associazione possono essere assegnati anche in successive riunioni.

 

TITOLO VII

(Amministrazione dell’Associazione)

Art.22

(Gestione economica e Residui Attivi)

La gestione dei conti dell’Associazione avviene in conformità alle leggi e secondo i criteri di corretta e trasparente amministrazione. Tutti i soci dell’Associazione riceveranno il resoconto contabile dell’anno trascorso e il preventivo dell’anno seguente prima dell’assemblea per la loro discussione ed approvazione; il consiglio direttivo presenta all’assemblea riunita in seduta ordinaria il resoconto contabile dell’anno trascorso ed il preventivo per l’anno seguente . Gli utili di gestione sono destinati al perseguimento dei fini dell’ associazione.

L’Associazione non ha scopi di lucro; gli eventuali proventi dell’attività associativa devono essere reinvestiti in attività previste all’Art.2. Durante la vita dell’Associazione non potranno essere distribuiti, nemmeno in modo indiretto, fondi, riserve o capitale, salvo che ciò sia imposto dalla legge. L’Associazione inoltre garantirà la democraticità della struttura, nonché l’elettività e gratuità delle cariche e delle prestazioni fornite dagli associati. L’attività istituzionale ed il regolare funzionamento delle strutture dovrà essere garantito dalle prestazioni volontarie e gratuite  degli aderenti all’Associazione; nel caso la complessità, l’entità nonché la specificità dell’attività richiesta non possa essere assolta  dai propri aderenti, sarà possibile assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo.  La contabilità e i documenti amministrativi dell’Associazione sono sottoposti all’esame dei revisori dei conti.

Art.23

(Revisori dei Conti)

I soci eleggono ogni anno tre revisori dei conti, dei quali almeno uno, ove possibile, con competenza o esperienza contabile-amministrativa. L’incarico di revisore dei conti è incompatibile con l’appartenenza al consiglio direttivo. I revisori dei conti sono rieleggibili. I revisori dei conti hanno libero accesso ai libri e alle scritture contabili ed a tutti i documenti giustificativi delle spese sostenute dall’associazione; redigono un rapporto sulla situazione economico- contabile che hanno esaminato.

Il rapporto dei revisori dei conti è inviato al consiglio direttivo che lo sottopone all’assemblea riunita in seduta ordinaria.

 

 

TITOLO VIII

(Organi di Garanzia)

Art. 24

(Collegio dei probiviri)

Il collegio dei probiviri è composto da tre membri eletti ogni due anni dai soci ordinari con il compito di giudicare inappellabilmente, senza formalità di procedura, sulle controversie che sorgano tra i soci e tra questi e l’associazione. Indicativamente il collegio comunicherà le sue decisioni alle parti coinvolte entro il termine di circa trenta giorni e comunicherà, se appropriato, tali decisioni nella successiva assemblea dei soci.  La carica di componente del collegio dei probiviri è incompatibile con l’assunzione di altre cariche sociali. I probiviri sono rieleggibili.

 

TITOLO IX

(Consultazioni)

Art. 25

(Delegati di lingua e di  classe)

L’”Associazione dei genitori degli alunni della Scuola Europea di Varese”, perseguendo il proprio oggetto sociale, promuove e realizza incontri periodici di collaborazione e confronto con i delegati di lingua e/o di classe, della S .E.V..

 

TITOLO X

(Patrimonio e scioglimento)

Art. 26

(Patrimonio)

Le entrate dell’Associazione sono costituite :

1.      dalle quote associative annuali versate dai soci ;

2.      da sovvenzioni, elargizioni, donazioni e lasciti a suo favore ;

3.      da quote integrative per la partecipazione alle attività organizzate dall’Associazione ;

4.      da ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale.

All’Associazione è vietato distribuire ai soci, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione.

Art. 27

(Scioglimento dell’Associazione)

Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’assemblea dei soci convocata su proposta del consiglio direttivo o di almeno 1/4 dei soci ordinari. Per lo scioglimento dell’Associazione è necessario l’assenso della maggioranza assoluta dei soci. L’attivo esistente al momento dello scioglimento sarà devoluto, secondo la delibera dell’assemblea che decide lo scioglimento ad altra Associazione con finalità analoghe o alla S.E.V..

Il presente statuto sostituisce o annulla ogni altro precedente statuto dell’Associazione e ogni altra norma regolamentare dell’Associazione in contrasto con esso.

Il presente statuto è stato approvato dall’Associazione nell’Assemblea del 20 Novembre 2014.

Assemblea dei soci

assemblea

 

 

TITOLO IV

(Assemblea Generale)

ART. 10

(Assemblea dei soci)

L’assemblea generale è sovrana ed è formata da tutti i soci.

Per decisione del consiglio direttivo l’assemblea può essere aperta al pubblico purché sia garantito il suo regolare svolgimento ed il pubblico non interferisca nei lavori.

 

 

ART. 11

(Convocazione)

L’assemblea dei soci è convocata dal presidente del consiglio direttivo in seduta ordinaria una volta all’anno nei 5 mesi successivi alla chiusura dell’esercizio sociale.

L’assemblea è convocata dal presidente del consiglio direttivo in seduta straordinaria quando lo richiedano almeno 1/3 dei componenti del consiglio direttivo o 1/5 dei soci ordinari.

Le assemblee sono convocate mediante avviso scritto da recapitarsi ai soci, anche per posta elettronica, almeno 15 giorni prima della data fissata. L’avviso deve contenere l’ordine del giorno e l’indicazione del luogo e dell’ora d’adunanza sia in prima sia in seconda convocazione. L’intervallo tra l’assemblea in prima convocazione e l’assemblea in seconda convocazione non può essere inferiore ai 30 minuti.

…”